Cosplayer Esther Lipofago l’intervista . Il Cosplay è un’arte.

 

Cosplayer Esther Lipofago

Esther Lipofago nasce in provincia di Bari ed è una eterna tredicenne, youtuber e cosplayer italiana.

Sin da giovanissima è sempre stata una grande appassionata di tutto ciò che riguarda il Giappone. Nel 2009 inizia ad interessarsi al cosplay ed a frequentare le prime fiere del fumetto nel sud Italia e nel 2013 si trasferisce a Milano per studiare e seguire le sue passioni.

Attualmente pubblica un video a settimana sul suo canale Youtube https://www.youtube.com/user/aisuhimedayo/ e scrive sul suo blog Icecream Kingdom, parlando di vari temi legati al Giappone e non: dal cosplay al jpop, dall’animazione ai Vocaloid.

  • Esther, quando nasce la tua passione per il cosplay? Il tuo primo personaggio e perché?

Il mio interesse per il cosplay è nato ai tempi in cui frequentavo i forum, era lì che avevo visto per la prima volta delle foto di persone di tutto il mondo travestite dai loro personaggi preferiti.

Mi ha subito incuriosito come hobby, volevo provarci anche io!

Così, nel 2009 ho sperimentato anche io il mio primo cosplay e ho provato a vestirmi come uno dei miei personaggi preferiti di Death Note: Matt. Mi ero piastrata i capelli, vestita con vestiti molto simili ai suoi e… mi sono fatta qualche foto in camera, fine.

Più avanti ci ho riprovato con qualcosa di più creativo, e ho portato al Comicon del 2010 una versione gijinka di Pikachu, il mio Pokémon preferito in assoluto. Ricordo ancora l’emozione delle persone che mi riconoscevano e che volevano farsi una foto assieme!

L’atmosfera delle fiere del fumetto dei raduni cosplay mi ha conquistato subito, così ho continuato e portato anche altri personaggi come Haruhi Suzumiya (La Malinconia di Haruhi Suzumiya), Tieria Erde (Gundam 00), Teto Kasane (UTAU) e così via.

 

cosplayer Esther Lipofago
emma

2) Il cosplay è comunque una forma espressiva, è per te anche un modo per raccontarsi? http://www.contrordine.com/cosplay-fenomeno-mondiale-solo-un-gioco-o-unarte/

In cosplay ho interpretato così tanti personaggi diversi, che in realtà trovo un po’ lontano il concetto di “raccontarmi”. Quello preferisco farlo sul mio canale, lì riesco con più facilità a raccontare dei personaggi scelti, di come realizzo costumi, del lavoro che c’è dietro, eccetera.

3) I cosplayer fabbricano i propri costumi, anche questa passione o piuttosto necessità? Come si impara a fabbricare un costume?

 Dipende dai punti di vista, io non trovo che sia necessario saper cucire per fare cosplay.

Viviamo in un periodo in cui su internet si trova davvero di tutto, moltissime persone accettano commissioni per vestiti, mentre altri costumi sono così semplici da potersi “arrangiare” con vestiti che si hanno in casa.

Snow White – cosplayer Esther Lipofago

Io ho imparato a cucire da sola con tutorial su Youtube e vari consigli da conoscenti che sanno cucire. Il mio obiettivo era provare a creare qualche cosplay con le mie mani, sperando di risparmiare tempo e soldi… Ma all’inizio non facevo altro che sbagliare, finendo per perdere sia tempo che soldi! Ho pian piano imparato semplicemente attraverso molta pratica. Non è stato semplice come mi aspettavo!

4) Cosplay: gioco, passione, espressione. Possiamo dire in verità che il cosplay sia un’arte?

Penso che a certi livelli sì, il cosplay possa essere definito un’arte!

Rimane però un hobby che ognuno deve vivere come preferisce, senza avere il peso sulle spalle di creare ogni volta opere d’arti.

5) Dal cosplay a youtube ai gadget, si può fare della propria passione un “business”, come un pittore vende i propri quadri può un cosplayer farne un lavoro?

 Sicuramente sì! Ci sono molti cosplayer famosi che hanno trasformato la loro fama in un vero e proprio lavoro, guadagnandosi da vivere attraverso piattaforme come ad esempio Patreon.

Io personalmente ho il mio account ko-fi https://ko-fi.com/estherlipofago per offerte libere o per ricevere delle mie foto autografate, e la mia pagina di merchandise per magliette e felpe fatte da me.

Non l’ho mai preso come lavoro. Il mio obiettivo è creare un legame con i miei fan più attivi. Mi seguono e vogliono vestire o possedere qualcosa fatto da me, sapendo nello stesso tempo di contribuire al miglioramento del mio hobby.

6) Quali i tuoi studi e quale la tua professione? Questo ti aiuta nei panni della cosplayer youtuber o ti frena?

 Ho frequentato il liceo linguistico e successivamente Fondazione Accademia di Comunicazione di Milano, dove ho studiato art direction e graphic design.

Adesso lavoro come graphic web designer e la creatività è un elemento fondamentale per il mio lavoro di tutti i giorni, così come per il cosplay e il mio lavoro su Youtube. In poche parole… la mia mente è sempre in esercizio!

7) Torniamo a te una giovanissima donna che lascia il suo paesino del sud, cosa ti ha spinto a farlo, quanto è stato difficile e quanto ti senti di consigliarlo ad altri giovani?

 Il motivo principale della mia trasferta è stato perché volevo frequentare l’Accademia di Comunicazione, e dalle mie parti non c’era nessun valido sostituto.

Sono sempre stata abituata a viaggiare, so badare a me stessa e ho fatto diverse esperienze di mesi all’estero. L’idea, quindi, non mi spaventava per nulla.

Nel concreto però, il passaggio da paesino di provincia a grande città all’inizio è stato duro, ma mi ha fatto crescere molto ed è decisamente un’esperienza che consiglio a chiunque abbia voglia di fare un passo avanti.

8) Quali sono i prossimi eventi in Italia ed a quali parteciperai?

L’evento a cui ho partecipato ultimamente è stato il Romics di Roma, nelle giornate di venerdì 5 e sabato 6 Aprile. Prossimamente parteciperò ad eventi in zona Milano come il Milano Comics e Novegro.

Ho anche qualche evento in forse e qualche fiera in cui sarò ospite, ma annuncerò tutto a tempo debito sui miei social!

9) Cosa vuoi dire ai tuoi follower?

Voglio continuare a viaggiare per l’Italia, e incontrare tutti i miei follower!
Sto male quando in tantissimi mi scrivono dicendomi di partecipare alle fiere dalle loro parti, ma che per problemi di lontananza e tempo non riesco mai a raggiungere.

Prometto di crescere sempre di più e partecipare a più fiere ed eventi possibili!

Yuudachi – cosplayer Esther Lipofago

 

sostieni la libera informazione

 

Precedente Cosplay: fenomeno mondiale, solo un gioco o un'arte? Successivo Un Dante Alighieri diverso dal solito: “IL MANOSCRITTO DELLA ANIME PERDUTE: INDAGINE SU DANTE ALIGHIERI” di Giulio Leoni