Masticare con lentezza. Di Fiore e la sua pizza!

Quando sentiamo la parola pizza, immediatamente la nostra mente ci trasporta a Napoli. Al suo binomio con “spaghetti e mandolino”…ma nessuno mai pensa che, dietro l’unione di acqua, farina, pomodoro, basilico e mozzarella, c’è una vera e propria ARTE.
Arte e studio, arte e manipolazione, arte e gusto nel far assaggiare la propria di pizza ai clienti. Questo è Vincenzo Di Fiore, artigiano della pizza napoletana di Acerra.
La sua storia parte da lontano: pur essendo un quarantenne, Vincenzo esce dall’accademia dei pizzaioli nel 1999 e da allora fa gavetta, studia, si ingegna. Finalmente riesce ad aprire una pizzeria tutta sua. Sceglie Acerra, la città di Pulcinella, perché come lui stesso afferma: “E’ la città di cui sono orgoglioso. Ha prodotti eccellenti ed una storia fantastica,  infinita, tradizioni che amo raccontare e lo faccio attraverso la mia pizza”.

L’amore di Vincenzo non è solo per la pizza, è anche per la sua clientela ed i suoi prodotti Slow Food. La sua pizza, infatti, potremmo definirla a km zero, poichè i prodotti di base (e non solo) provengono dal suo stesso territorio. Da quella Campania Felix a lungo deturpata e che pian piano si sta cercando di far rivivere. Vincenzo innamorato della sua terra e delle sue radici è andato alla riscoperta del territorio e di una agricoltura biologica fatta “in un certo modo” di qualità. E’ qui che potete assaggiare la pizza al fagiolo cannellino dente di morto, una squisitezza un prodotto d.o.p. e  d.o.c. che non troverete altrove.

Pizzeria Di Fiore Acerra

Masticate con lentezza, da Di Fiore potrete, infatti, attribuire al gusto il giusto valore ed il sapore della scoperta e della tradizione. Da Di Fiore si può mangiare da una prospettiva diversa che, oggi, è difficile trovare o ritrovare: masticando con lentezza si assaporano i particolari del gusto. Di quel panorama che sono le sue pizze e gli incontri con le persone ed i sapori più svariati che fanno acquistare alla pizza la sua giusta dimensione. C’è socialità e cordialità, c’è gentilezza, c’è una sorta di devozione al cliente.

Il successo della pizzeria Di Fiore è tale che, ad Acerra, Vincenzo ha aperto una seconda pizzeria, proprio in una delle principali vie: Corso Italia. Un locale ampio, fatto di due sale (una all’aperto), la cui caratteristica campeggia in ogni dove: dalle tovagliette, alle posate, dalle pareti agli arredi: “C’è un solo amore: è quello per la pizza”.
Cos’hanno di speciale le sue pizze? La passione di uno che, prima di mettere mano all’impasto, cerca di capire anche perchè un tale cliente ha ordinato una certa pizza. Perchè il successo della sua attività? Perchè, in ogni azione e cosa che fa (anche nel semplice pensare come rendere accogliente una sala, come apparecchiare la tavola dove i suoi clienti mangeranno) ci mette arte e saggezza.
Ingredienti selezionati e di prima qualità, non invenzione ma ARTE nel creare nuovi abbinamenti per nuove pizze…non dovete immaginare le pizze all’americana (quelle con l’ananas cucinato su di una margherita…assolutamente no!!!), ma pizze che più veraci non possono essere: dalle classiche con ingredienti campani, a quelle che mettono in gioco i veri prodotti del Sud Italia, in un mix da vero “Made in Italy”.

Cosa aspettate allora? https://www.facebook.com/Vincenzo-Di-Fiore-pizzeria-bella-Napoli-acerra-407059659730366/ La pizza di Vincenzo Di Fiore vi aspetta! È bella Napoli ma davanti ad una pizza lo è ancora di più. Bon appetit!

Precedente Migranti chi sono? Salvini e la sua propaganda pericolosa. Successivo Prime le italiane della staffetta: Pontida 0 - Paese reale 1