Migranti chi sono? Salvini e la sua propaganda pericolosa.

Chi sono i migranti, da dove vengono e perché. Tra i temi del Rapporto Italia 2018 di Eurispes, ente che si occupa di studi politici, economici e sociali, ci sono i fenomeni migratori, di cui una causa è il land grabbing che costringe, chi si vede privato della propria terra, ad andare via, da qui i migranti. Il Rapporto, precisandone la natura finanziaria e predatoria, lo chiama neocolonialismo. Il land grabbing viene, infatti, perpetrato con “metodi subdoli e ambigui” e vede “l’accaparramento dei terreni agricoli e delle risorse idriche” per mano di investitori, settori finanziari occidentali, Stati o fondi sovrani. Tutto ciò comporta la “negazione dei tradizionali diritti di proprietà, espropri, esodi di intere popolazioni, sfruttamento eccessivo delle risorse naturali e, in primo luogo, dell’acqua, corruzione delle classi dirigenti locali, militarizzazione delle aree interessate dagli investimenti, fomentazione di scontri e guerre tribali o religiose”. I fenomeni migratori, però, quelli più ingenti e pericolosi sono dovuti anche alle guerre d’Africa ed in Medio Oriente, la Siria un Paese oramai collassato dove l’unica via di salvezza è quella della fuga, la Libia dove ci sono torture, stupri, schiavitù, lo stesso Afghanistan, l’Iraq e così via. Nel 2017 in Italia sono sbarcati 119 mila migranti il 34% in meno rispetto al 2016 nel 2017 sono morti in mare 3.081 persone. Lo straniero, che dimostri un fondato timore di subire nel proprio Paese una persecuzione personale ai sensi della Convenzione di Ginevra, può ottenere questo tipo di protezione. Ai sensi dell’articolo 1 della Convenzione di Ginevra del 1951 è rifugiato “chi temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure che, non avendo una cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di siffatti avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra”. L’Italia accoglie un rifugiato ogni mille persone, la Svezia più di 11 rifugiati ogni mille persone, la Francia 4 ogni mille, in Medio Oriente il Libano al confine con la Siria accoglie 1,2 milioni di rifugiati pari ad un quarto della sua popolazione. Tra centri di primo soccorso e accoglienza e centri di identificazione ed espulsione un rifugiato costa 35 euro al giorno, soldi non messi in tasca dal migrante ma spesi per tenere strutture, personale ecc. al migrante al massimo gli viene concesso un pacchetto di sigarette ed una ricarica per fare qualche telefonata, anche se purtroppo chi specula facendo propaganda su questo tema nell’immaginario collettivo ha fatto credere che i migranti vengano tenuti negli alberghi e concessa una paga giornaliera, ridicolo. La permanenza in questi centri fino a che non si arriva all’espulsione o allo status di rifugiato può variare tra i venti ed i cinquanta giorni. L’Italia nel 2014 ha speso 628 milioni di euro per l’accoglienza, spesa ovviamente che viene sostenuta dalla comunità europea che smista fondi esclusivamente destinati all’accoglienza, nel 2014 l’Europa ha stanziato 2,4 miliardi di euro la fetta più alta era riservata all’Italia. All’Italia è anche concesso di scorporare dai bilanci i soldi spesi per fare fronte al fenomeno migratorio, questo significa che nel caso non esistesse più tale fenomeno o l’Italia potesse in qualche modo sottrarsene quei soldi non potrebbero essere spesi per altro. Secondo la Fondazione Leone Moressa, il bilancio tra tasse pagate dagli immigrati (gettito fiscale e contributi previdenziali) e spesa pubblica per l’immigrazione (accoglienza, integrazione, ecc.) è in positivo di +3,9 miliardi di Euro. Il Pil creato ogni anno dai migranti, lavoratori stranieri, ammonta a 123 miliardi di Euro pari all’9% del totale nazionale. I migranti sono impiegati per lo più nel settore dei servizi alla persona (39,3% sul totale degli occupati nel settore), degli alberghi e ristoranti (19,2%), dell’agricoltura (17,1%), dell’industria (10,5%). Alla luce del nuovo Governo italiano il fenomeno è tornato alla ribalta per la condotta sconsiderata di Salvini, chiudere i porti per non accogliere persone salvate dalla stessa guardia costiera italiana o dalla marina militare italiana, dove lo stesso ministero degli interni aveva coordinato i soccorsi è da considerarsi sconsiderati, quelle persone sulla nave Aquarius di una organizzazione non governativa ce le abbiamo messe noi, le aveva messe lo stesso Salvini era un obbligo giuridico ed anche e, soprattutto, morale accoglierle in Italia. Da più di una settimana persone stremate, in fuga da guerre e persecuzioni, sono costrette a stare in mezzo al mare per il capriccio di un capo di partito il quale ha approfittato della situazione per dare un colpo alla propaganda della lega nelle ultime ore del voto amministrativo, ricordiamo che il Ministro ha fatto una conferenza stampa dalla sede del suo partito politico proprio perché il suo intento era del tutto propagandistico. Dall’Aquarius ad oggi in Italia sono arrivati un altro migliaio di migranti ma il Ministro non ha battuto ciglio, il voto per le amministrative era finito, il risultato intascato. Ciò che sconcerta è la reazione degli italiani, di alcuni italiani che hanno dato fondo a tutto il loro essere razzista, il problema è che chi vive una situazione di disagio, lavorativa, economica, culturale ha il bisogno di prendersela con qualcosa, con qualcuno per giustificare questo suo disagio, l’abilità del “politico” cinico e calcolatore è quella di indirizzare questo bisogno verso chi sta peggio di noi, portare ad una guerra tra poveri, far credere che i problemi nascono non per una classe dirigente corrotta ed incapace ma perché c’è il povero migrante che viene a portare violenza ecc. Insomma il Salvini non ha mai smesso la sua propaganda, questo gli permette tra l’altro di mascherare un governo che non è partito, un governo fermo al palo che non ha messo in campo provvedimenti, gli è servito per fagocitare il movimento cinque stelle, qualcuno a parte lo scandalo romano dello stadio e degli arresti, ha notizie dei cinque stelle? Eppure questo doveva essere un governo cinque stelle con alleato secondario la Lega ed invece ci troviamo dinanzi ad un Governo a trazione leghista con temi leghisti, propaganda leghista e con un Premier che ad oggi è completamente uscito dalla scena oscurato dalla figura di Salvini. Salvini ci ha fatto perdere l’onore, la dignità, l’umanità abbandonando persone in mezzo al mare al proprio triste destino e sicuramente questo non ci avrà messo in buona luce quando ai tavoli europei (dal quale Salvini è sempre sfuggito) dovranno rivedere trattati ecc. Gli italiani dovranno aprire gli occhi, andare al di la di quella che è stata la propaganda, il bombardamento mediatico a cinque stelle del mi piace, sei indignato e condividi, gli italiani dovranno essere attenti, leggere, capire e fare in modo che le armi di distrazione di massa che Salvini sta mettendo e metterà in campo da qui alla fine non attecchiscano. L’odio genera odio, la violenza genera violenza, se perdiamo anche quel briciolo di umanità che ci resta saremo condannati per sempre. Al peggio non c’è mai fine!

Precedente La Campania al voto per le amministrative: lo scenario politico è cambiato? La differenza fra i colori politici locali e quelli nazionali Successivo Masticare con lentezza. Di Fiore e la sua pizza!