Ci hai fatto compagnia in questa quarantena: grazie Papa Francesco!

papa francesco

Un periodo lungo ben due mesi, durante i quali abbiamo vissuto l’isolamento e il mancato contatto anche con i nostri stessi amici e parenti.

papa francesco
photo web source: casertafocus.net

Ma c’è qualcuno che, invece, non ci ha lasciati mai soli. Questi è Papa Francesco che ci ha tenuto compagnia ogni giorno.

Papa Francesco: la sua compagnia durante la quarantena

Una presenza discreta ma costante. Un uomo che, anche lui confinato nel suo palazzo e nel suo Stato, ha dovuto affrontare la quarantena, imparando con noi cosa sia il distanziamento sociale. Un Papa che ha pregato ogni giorno Dio Padre per la fine di questa pandemia.

Questi è stato Papa Francesco che, durante il lockdown non ha voluto lasciare da solo nessuno di noi, come il buon pastore che ha cura del suo gregge, specie quando questi è in pericolo. Il Santo Padre, come da ordinanze del Governo Italiano, ha accettato la chiusura delle Parrocchie sparse per l’intera Nazione, anche se in un momento particolare (forse il più importante) per l’intero mondo cattolico: la Quaresima e la Settimana Santa.

La preghiera e la Santa Messa del mattino alle ore 7

Ma non si è perso d’animo. Ogni mattina, alle ore 7, dalla sua residenza “Casa Santa Marta”, ha celebrato la Santa Messa, un momento intenso di preghiera che è stato trasmesso sia da TV2000, ma anche da Rai 1 e, in diretta streaming, da tutti i media vaticani e le tv regionali. Durante ogni celebrazione, Francesco ha pregato per una determinata categoria di persone: dai medici e infermieri, agli ammalati, dagli anziani, ai bambini, agli insegnanti, dagli addetti alle comunicazioni, a quelli delle pompe funebri, dai sacerdoti, alle suore, dagli addetti alle pulizie…tutti, davvero tutte le categorie di persone.

papa francesco messa
photo web source: vaticannews.va

Non ha mai lesinato una preghiera per se stesso, ma sempre e solo per gli altri. Un appuntamento fisso, costante, al quale ha fatto seguito l’udienza settimanale del mercoledì e l’Angelus della domenica, anche questi lontani dal popolo e in diretta dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico.

Gli aiuti di Papa Francesco a chi ne aveva bisogno

Ma Papa Francesco ha voluto far sentire la sua voce al mondo intero, ha voluto farci comprendere che tutti siamo uguali, in particolare di fronte a tragedie come quella del Coronavirus. Ha pregato con noi e per noi, ha aiutato come poteva chi chiedeva aiuto e chi aveva bisogno. Tante sono state le donazioni fatte dalla Chiesa in questo periodo: respiratori, mascherine, alimenti, gli aiuti per le Caritas parrocchiali, gli aiuti ai poveri, gli aiuti alle Parrocchie in difficoltà…Francesco ha avuto un monito: “La Chiesa sia con i poveri e vicino a chi soffre”.

E così è stato!

La preghiera solitaria quel 27 marzo

Il Santo Padre ha, anche, pregato per il mondo intero: quel 27 marzo, in una Piazza San Pietro vuota, davanti solo al Crocifisso della Chiesa di San Marcello (portato lì appositamente) e davanti al quadro della Madonna “Salus Populi Romani”: “Dio, non lasciarci soli in questa tempesta!”, ha pregato con forza.

papa francesco preghiera
photo web source: tpi.it

Una preghiera che ha toccato il cuore di tutti, cristiani e non. La preghiera che ci ha mostrato un uomo che, nonostante la difficoltà, non ha perso la speranza ed ha affidato sé stesso e l’intera umanità a Cristo e alle braccia consolatrici della Vergine Maria.

Un Papa che non ci ha abbandonati nemmeno durante la Settimana Santa, celebrandone i Riti (anche questi a porte chiuse) ed annunciando, poi, anche ad una Piazza San Pietro vuota sì, ma ricca dal punto di vista spirituale, che Cristo è risorto.

Papa Francesco e il Rosario nei Giardini Vaticani

Ed oggi? Ora che, anche se con prudenza, si è ritornati ad aprire le Chiese e a celebrare l’Eucarestia con concorso di popolo, Francesco non ha smesso di pregare. Ha, sì, interrotto la Santa Messa del mattino celebrata in diretta, ma ha creato dei momenti di preghiera per permettere a tutti di unirsi a lui, affinchè sentano sempre la sua vicinanza e la sua presenza. L’ultimo è stato proprio lo scorso 30 maggio, quando ha recitato il Santo Rosario davanti alla Grotta della Madonna di Lourdes all’interno dei Giardini Vaticani.

papa francesco rosario
photo web source: vaticannews.va

Tantissimi sono stati coloro che, pubblicamente o attraverso mail e messaggi personali, lo hanno ringraziato, anche semplicemente “solo per averci fatto compagnia in questo periodo così doloroso”. Anche noi ci uniamo a questo ringraziamento corale.

Grazie Papa Francesco!